Google Search

21 gennaio 2010

caro ministro mentre lei gioca ai proclami qui come al solito si infanga l'intera Campania!

Il fatto


Il presidente del consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana Dop è stato sorpreso durante i controlli ad annacquare il latte.



Con questa motivazione il ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Luca Zaia ha annunciato, oggi, la decisione di commissariamento DELL'ENTE (peraltro difficilmente eseguibile trattandosi di un consorzio/ente privato) e di nominare quattro uomini di sua fiducia che controlleranno il grave caso di contraffazione, perchè già a novembre di quest'anno , dichiara il ministro, ci sono stati numerosi controlli nella grande distribuzione su campioni di mozzarella di bufala i quali e hanno rivelato che nel 25% dei casi le mozzarelle non erano vere mozzarelle di bufala poiché contenevano almeno il 30% di latte di vacca(non acqua...leggende ministeriali).



Non è una sorpresa dunque la notizia?

Mministro Zaia (aspettavamo lo scoop delle Jene) per dire che un quarto delle mozzarelle di bufala vendute nei negozi, frodi sistematicamente noi tutti , facendoci pagare a caro prezzo una parte variabile di latte di vacca spacciato per il più pregiato latte di bufala...



Ora io le chiedo caro ministro, invece di nominare quattro uomini per i controlli non sarebbe il caso, di farsi solo una semplice domanda :

Può il Consorzio di tutela della Mozzarella di bufala Campana dop(composto da 128 produttori) essere il controllore di se stesso?

I controllori si controllano?...Si lo so il consorzio lo ha voluto lei , ma sbagliando si impara... e perseverare sarebbe diabolico!

Signor Ministro aldilà dei proclami e dei buoni propositi, oggi ci mostri davvero la sua volontà di effettuare una SVOLTA in questo settore, già martoriato in passato per l'affare diossina.

Per questo motivo chiediamo immediatamente quanto segue :

creazione di un consorzio ad hoc di consumatori a tutela della mozzarella di bufala Campana che dia seguito ad un serio controllono dei prodotti e dei produttori

Un pubblico elenco delle aziende che hanno praticato queste truffe

Un pubblico elenco dei produttori che lavorano onestamente

Un pubblico elenco dei soldi pubblici dati alle aziende produttrici per un controllo attento dei beneficiari

E non ultima la diffusione sui maggiori quotidiani cittadini e non della notizia contenente i nomi della stragrande maggioranza dei produttori che lavorano onestamente, difendendo cosi un bene collettivo, qual è davvero la mozzarella di bufala Dop, conosciuta e invidiata dal mondo intero.

Perchè caro ministro mentre lei gioca ai proclami qui come al solito si infanga tutti noi napoletani e chi ne ha la peggio è l'immagine dell'intera regione Campania!

Daniela Villani

Cittadina attiva,Donna,Mamma,Napoletana

1 commento:

Riprendiamoci,napoletani ha detto...

dimenticavo consumatrice di mozzarella di bufala e non