Google Search

21 settembre 2010

Una sorta di “class action” del Sud contro la Lega Nord!“Da matti”, qualcuno penserà. Certo che si!

La lega instilla da anni razzismo nel nostro Paese discriminando, non solo verbalmente, il Meridione.

Intanto la sinistra, la destra e il centro come si adoperano per tutelarci?
Al solito, chiacchiericcio e dichiarazioni di nessuna importanza!

Ma qualcuno si è presa la briga di tappare la bocca a questa gentaglia che vomita ingiurie?
I politici ritengono evidentemente che non sia un loro compito, non gli conviene, conservano le poltrone tra una mediazione e l'altra!

Vergogna!

Sono Indignata, sono Offesa, sono Incazzata Nera!

E Voi amici, Cittadini Attivi, Donne, Uomini, Napoletani

Siete Rabbiosi quanto Me?



Mi pare di vedervi numerosi mentre annuite, seccati. E allora che fare?
Credo ci vorrebbe un gesto eclatante che funga da stimolo e da sostegno ad un contrasto politico più forte e coerente.
Una sorta di “class action” del Sud contro la Lega Nord!
Dobbiamo puntare sul riconoscimento giudiziale della componente discriminatoria della lega e se serve dobbiamo esser pronti ad andare a piedi sino alla Corte di Giustizia Dei Diritti Umani! Ci siete?
La lega discrimina, lede i nostri diritti umani, e noi del Sud ci faremo Sentire!


“Da matti”, qualcuno penserà. Certo che si!



Il Carroccio, sta facendo da troppo tempo (e unilateralmente) un uso scellerato della libertà di manifestazione di pensiero attraverso l'uso costante ed improprio della parola!

Ed il Sud non può continuare a limitarsi a una vaga indignazione, soprattutto se questa avviene in maniera disorganizzata.
Ci vuole una Reazione, Uguale e Contraria. Ma soprattutto unita. Che ne dite?
Non permettiamolo più!
La lega ingiuria ed il Sud scende in piazza per Difendersi!

Io mi aspetto di sentire Urlare il Popolo Di Riprendiamoci Napoletani…

Attenzione stiamo parlando del Carroccio e non dei settentrionali!

Nessuno vuole una lega sud ne tanto meno una nuova crociata.

Tuttavia c'è un allarme verde(per una volta non è rosso)e il sud non può solo continuare ad indignarsi ad intermitezza e in maniera scorporata,la frammentazione rende invisibili e deboli ,nasce dunque l'esigenza di ricercare e trovare una forma organizzata che faccia da respingimento alle continue ingiurie contro noi del sud .

MI domando è esigibile il rispetto dovuto ad ogni cittadino italiano? Qualcuno dovrebbe pur vigilare ed intervenire?Chi deve farsene carico?

il Presidente della repubblica?Ipolitici?la corte di giustizia dei diritti umani?CHI? Non lo so...

Noi del sud abbiamo sete di unione ma anche un esigenza di riscatto

Diamo Voce al Sud!

Che ne dite? Vi aspetto numerosi… quando, dove? Lo decideremo insieme!



Daniela Villani

Donna, Mamma, Napoletana, Cittadina Attiva, Incazzata nera

Nessun commento: