Google Search

28 aprile 2010

Si chiama Piazza Del Plebiscito ma si legge circuito automobilistico

Ogni mattina percorrendo strade e piazze della nostra città, ad ognuno di noi, capita di assistere attoniti a spettacoli con rappresentazioni dell' assurdo,commedie senza fine, dove i protagonisti assoluti sono il degrado e le anomalie, quasi come se la normalità fosse sovvertita dalla legge della noncuranza .


Il radicamento dell'inconcepibile,la trasgressione della regola è di fatto l'unica normalità.

Ieri rientrando a casa percorrevo la piazza, che nonostante i lunghi lavor,i fondi spesi ed i fastosi eventi , di certo attualmente non è testimone di alcun progetto, se non quello di una piazza pubblica alla mercè degli incivili, dell'incuria,delle sterpaglie in ogni dove.

Questa realtà non rispecchia miimamente i molteplici progetti a cui potrebbe aspirare un simile monumentale spazio, e chi se non l'amministrazione dovrebbe farsi carico di tutto questo? è senza alcun dubbio un loro dovere gestire questo patrimonio che rappresenta la nostra storia e la nostra cultura, bisogna pretenderlo!

A testimonianza , qualora ce ne fosse il bisogno, ecco la mia foto che ritrae due minorenni i quali scorazzano indistubati a tutta velocità lungo l' intera piazza,su una di quelle macchinine fuori legge, neanche a dirlo senza casco, sotto lo sguardo incredulo e impaurito di passanti e gruppi di turisti che assistono alla scena di questa realtà sconcertante.

Ma di lì in pochi minuti, ecco che arriva una macchina della polizia , menomale aggiungo io,si metterà fine a questa incivile usanza reiterata nel tempo.

Macchè ,qiu a Napoli non ci facciamo mancare proprio nulla, la polizia infatti non solo non ferma i trasgressori, ma anch'essa corre a tutta velocità lungo il percorso, noncurante della presenza dei tanti bambini libereramente? a passeggio nella piazza!

Queste singolari usanze non sono episodi sporadici ,ma possono essere viste ogni giorno , in modo assolutamente surreale, e sono tollerate giornaliermente dalla camionetta della polizia posta sotto il palazzo reale.

Dunque le autorità preposte ad assicurare il rispetto delle regole non solo non fanno il lavoro per cui sono pagate , ma percorrendo la piazza a velocità di rally contribuiscono e stimolano l'imbarbarimento...

Mi è anche capitato di assistere al rally delle auto blu rigorosamente con funzionari pubblici al seguito...

Abbiamo tolto un parcheggio e aperto una pista!

Ma se competizioni e rally deve essere... che sia almeno regolamentata avremo cosi un percorso delimitato, punti di controllo definiti e ogni vettura dovrà quantomeno osservare scrupolosamente il Codice della strada!

Ma per piacere....Minchiate a caterva si sparano ogni giorno sui quotididiani per evidenziare quella o quell'altra iniziativa,l'assesore di turno si affretta ad esternare quello e quell'altro progetto,solo buoni però, a farsi propaganda,lanci di agenzie e varie ma la città resta in condizioni vergognose !



A questo punto non bisognerebbe stupirsi se si considera la piazza come un immondezzaio (daltronde non esiste un cestino) e prendersela con i ragazzi che giocano a pallone perchè questa è l'unica funzione che ha assunto con il tempo questa piazza .

Non vorrei dover sperare in una succursale del vaticano per vederla nuovamente splendente!

Chissà se quesi turisti preseni erano a conoscenza di trovarsi in un circuito di rally automobilistico....

certamente molti di loro avranno esclamato: tutto molto pittoresco!



Ma è dai tempi di Matilde Serao che Napoli "città mirabile" resta ancora un sogno ...

e non solo Piazza Del Plebiscito...

possibile che l'unica capacità di Napoli di essere grande è nella sua straccioneria !





Daniela Villani



Donna,mamma,napoletana,cittadina attiva

Nessun commento: