Google Search

12 maggio 2010

Grandi progetti: Stop al risanamento dei Campi Flegrei. Si punta su Vulcano buono

Dall'elenco delle grandi opere inserite nell'agenda del Por 2007-2013 ecco i progetti di spesa dei fondi europei accantonati.

Rileggendo la lista per alcuni di essi mi è parsa cosa buona e giusta…



Le quindici opere previste:



01 • “Completamento della riqualificazione e recupero del fiume Sarno”

02 • “Risanamento ambientale e valorizzazione dei laghi dei Campi Flegrei”

03 • “Risanamento ambientale e valorizzazione dei Regi Lagni”

04 • “Polo Fieristico regionale”

05 • “Polo Agroalimentare Regionale (Par)”

06 • “Polo logistico regionale a sostegno del comparto florovivaistico”

07 • “CamBio: la rete delle eccellenze biotecnologiche della Campania”

08 • “Lotto G – Centro Servizi dell'Interporto di Nola”

09 • “Ferrovia Metrocampania Nord Est – Tratta Piscinola – Secondigliano – Capodichino”

10 • “Linea 1 della Metropolitana di Napoli. Completamento tratta Dante – Garibaldi – Centro Direzionale”

11 • “Variante della linea FS Cancello - Napoli nel Comune di Acerra”

12 • “S.S. 268 del Vesuvio - Lavori di costruzione del III tronco compreso lo svincolo di Angri”

13 • “Allarga la rete: Banda Larga e sviluppo digitale in Campania"

14 • “Parco Urbano di Bagnoli”

15 • “Recupero e riuso del Real Albergo dei Poveri di Napoli”



Il vertice sui grandi progetti ha poi stabilito quanto segue e  come accennato in apertura di questo articolo assistiamo a un inesorabile ed inammissibile preclusione al risanamento dei Campi Flegrei…semplicemente negato!

Per i Regi Lagni una cancellazione parziale… si dice infatti addio ad un'intera riqualificazione dell'area, si procederà soltanto per stralci e malauguratamente con progetti più limitati  .

Due grandi progetti che ci immaginavamo  essere “l'impegno prioritario”  a tutela della nostra regione, su cui intervenire in maniera celere e  definitiva ,  se non per una ritrovata attenzione, almeno per riservare una sorta di RISCATTO alla POPOLAZIONE, martoriata, infangata e avvelenata …ma a quanto pare questi  obiettivi non trovano nella Campania  il proprio luogo d’eccellenza.

Ma è proprio vero quando si dice che le “Scelte fanno gli Uomini”… e non viceversa!



Ecco “invece” le novità:



Il Vulcano buono a Nola, ovvero la realizzazione di un altro lotto dell'opera progettata da Renzo Piano nel distretto di cui fanno parte anche il Cis e Interporto, che sarà un centro intermodale della filiera del commercio in Campania… ci auguriamo intanto che sia un opera completata in un numero ragionevole di anni e altresì che abbia un minimo effetto sull'economia della nostra regione… ahimè ai posteri l'ardua sentenza!



La seconda impresa riguarda la realizzazione di una bretella di collegamento tra il porto di Pozzuoli e la Tangenziale di Napoli. Il plastico è già stato visionato a Bruxesell e i tecnici sarebbero pronti a fermarlo… ancora complimenti!



Qualcosina di buono c'è, ed è il via libera al parco di Bagnoli e alla linea 1 del metrò regionale.



Certo non solo è poco rispetto al 40% dei 7 miliardi di euro da spendere del Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) ma da qui al 2013 ci auspichiamo si aprirà finalmente una strada, la strada dell'attenzione all'ambiente!
Questi sono i grandi temi per cui i cittadini  vogliono delle risposte, e  sono scelte e visioni non  procrastinabili all’infinito!


Ma ahinoi... gli uomini politici non cambiano son tutti dedicati a costruire un ponte lì dove non c'è un fiume!




Daniela Villani

Donna, mamma, napoletana e cittadina attiva

Nessun commento: